Archivio mensile Giugno 2021

Dipamela

I migliori esercizi per allenare i pettorali

I pettorali rappresentano alcuni tra i muscoli che vengono maggiormente allenati e stimolati all’interno di una palestra o di un qualsiasi tipo di allenamento; si tratta di muscoli importantissimi non soltanto dal punto di vista estetico, ma anche funzionale e organico, riuscendo a conferire una corretta postura, una grande resistenza fisica e anche una protezione maggiore dei propri organi interni. Insomma, non è assolutamente banale considerare un corretto allenamento per i propri pettorali, attraverso una serie di esercizi specifici che possono essere realizzati a corpo libero, con ausilio di panca o di altri strumenti; per questo motivo, non tutti gli esercizi possono essere eseguiti in casa, dal momento che sarà necessario l’utilizzo di attrezzi presenti in palestra per il corretto svolgimento degli stessi. 

Push up

Il primo tra i migliori esercizi che possono essere svolti per migliorare e allenare i pettorali è quello dei push up, altro nome che viene dato ai classici sollevamenti su braccia che permettono – attraverso l’utilizzo della propria forza – di allenare non soltanto i pettorali, ma anche gli addominali e i muscoli delle braccia. Si tratta, dunque, di un esercizio sì semplice, ma allo stesso tempo efficace e completo, che permette di effettuare un riscaldamento muscolare ideale e di mettere a punto un sistema di allenamento certamente importante per la parte superiore del proprio corpo.

Per eseguire correttamente i push up, bisognerà semplicemente stendersi a pancia in giù, tenendo le gambe rigide e cercando di sollevarsi con l’ausilio delle braccia e della forza del proprio corpo. In base all’apertura di gambe e braccia l’esercizio diventerà più o meno semplice, coinvolgendo altri muscoli come tricipiti e quadricipiti. 

Croci con manubri

Attraverso l’utilizzo di manubri e panca, che può essere sia piana che inclinata, è possibile mettere a punto uno degli esercizi più efficaci che possano essere svolti per allenare i pettorali. Tenendo i piedi ben saldi a terra, bisognerà assicurarsi che schiena e testa poggino perfettamente sulla panca, in modo da allenare soltanto il petto e non sollecitando altri muscoli che non siano direttamente coinvolti nel proprio esercizio.

A questo punto, bisognerà distendere le proprie braccia in modo che siano perpendicolari al corpo, facendo sì che assumano la caratteristica forma a X che dà il nome all’esercizio. Le braccia dovranno essere tenute ben dritte quando distese mentre, tornando verso il petto, dovranno essere piegate cercando di tenerle sempre perpendicolari al corpo, in modo da allenare perfettamente il proprio petto: quanto maggiore sarà l’inclinazione della panca, tanto più alta la zona dei pettorali allenata, dunque si può cambiare più volte l’inclinazione per essere sicuri di un esercizio completo. 

Distensioni su panca piana con bilanciere

Ultimo tra i migliori esercizi che possono essere scelti per allenare i pettorali è quello delle distensioni su panca piana con bilanciere, che permettono di allenare in modo semplice i propri pettorali, a meno che il carico non sia eccessivo. Stendendosi sulla panca con schiena e testa ben poggiate alla stessa, bisognerà distendere le proprie braccia che sorreggono il bilanciere, poi portando lo stesso verso il petto e ripetendo l’esercizio per il numero di ripetizioni richieste.

Dipamela

È vero che l’aria condizionata fa male?

Lo si sente dire spesso, ma non è chiaro se si tratta di una voce infondata oppure della realtà. Capire se sia vero che l’aria condizionata faccia male non è semplice: ci sono molte dicerie che sono state ripetute così tante volte e da così tante persone che persino chi dovrebbe saperne qualcosa in più tende a non contraddire troppo queste voci. Se vuoi chiamare un idraulico Torino provincia per installare un condizionatore a casa, ma sei preoccupato dalle dicerie che circolano su condizionatori e climatizzatori, allora prenditi del tempo per capire come funzionano climatizzatori e condizionatori e poi decidere liberamente.

Il freddo ci fa ammalare?

Quando si parla di aria condizionata, la prima preoccupazione che solitamente viene fatta presente, è che la temperatura troppo bassa possa farci ammalare. Questa associazione di idee viene fatta inconsciamente dal nostro cervello, che confonde cause e conseguenze: visto che ci si ammala più spesso di inverno e dato che la stagione invernale è la più fredda, allora deve essere la bassa temperatura a farci ammalare. Questo mito, che in Italia ha radici particolarmente profonde, ma che in altri paesi molto più freddi non esiste affatto, non ha basi scientifiche. Sono i virus ed i batteri a farci ammalare, non il freddo. Ma se non è il freddo a farci ammalare, perché ci si ammala più spesso durante la stagione invernale?

Banalmente, ci si ammala maggiormente in inverno perché le basse temperature e le condizioni meteo tipiche di questo periodo promuovono una serie di comportamenti che favoriscono il diffondersi del virus. Il minor ricambio dell’aria e la tendenza a stare al chiuso per un periodo di tempo maggiore rispetto ai mesi estivi permettono a virus e batteri di concentrarsi e passare facilmente di persona in persona. Secondo alcuni studi, l’unica cosa che potrebbe fare il freddo è aiutare il virus a moltiplicarsi e peggiorare la risposta immunitaria del nostro corpo, ma i test fatti in questo senso non hanno portato a risultati definitivi. Quello che sembra essere certo, invece, è che un uso eccessivo dei riscaldamenti durante i giorni freddi possa provocare un’eccessiva secchezza dell’aria, che aiuta i virus a diffondersi e che causa la secchezza delle mucose delle vie respiratorie.

L’aria condizionata è innocua?

Quanto detto finora porterebbe a pensare, quindi, che l’aria condizionata sia assolutamente innocua, ma non è così. Come ogni singola cosa, occorre usare l’aria condizionata con oculatezza e moderazione, in modo da non patire il caldo nei caldi giorni estivi. L’aria condizionata, soprattutto a chi non è abituato, può causare alcuni problemi: ad esempio, moti condizionatori fungono anche da deumidificatori. Se l’aria diventa troppo secca, possono insorgere diversi effetti indesiderati, come mal di testa, bruciore degli occhi e secchezza delle mucose nasali ed orali. Inoltre, è importante che la differenza di temperatura tra i locali climatizzati e l’esterno non superi la soglia degli 8 gradi, altrimenti si rischiano conseguenze negative sulla salute a causa dei grossi sbalzi di temperatura. Importantissima anche la manutenzione regolare del condizionatore o del climatizzatore, per evitare che al suo interno si accumulino muffe, funghi e batteri che potrebbero prosperare e creare seri pericoli per la salute.

Accendere l’aria condizionata di notte fa male?

Secondo molti otorini sarebbe meglio ridurre al minimo l’uso dell’aria condizionata nelle ore serali e non utilizzarla in quelle notturne. In primo luogo perché è sempre meglio far arieggiare le stanze aprendo le finestre, in modo da disperdere eventuali agenti patogeni che potrebbero essersi accumulati all’interno della stanza; in secondo luogo perché durante il sonno il caldo viene comunque percepito in misura minore dal nostro corpo.

Dipamela

Europei 2020/2021: dove si disputa, squadre partecipanti e altre informazioni

I Campionati Europei hanno inizio ufficialmente l’11 giugno del 2021, con il match inaugurale tra Italia e Turchia. A seguito dell’inizio della pandemia da Coronavirus, è stato reso necessario uno slittamento degli Europei che inizialmente erano stati previsti per il giugno del 2020, ma non la denominazione del torneo che – per motivi mediatici – è rimasta di EURO 2020. La competizione a squadre, che introduce la formula innovativa del piazzamento di alcune squadre garantito dalla Nations League, è itinerante, dal momento che sono previsti incontri in diversi stadi europei, con semifinali e finali nel Wembley Stadium di Londra. Ecco tutto ciò che c’è da sapere a proposito di dove si disputa, quali sono le squadre partecipanti e altre informazioni sugli Europei del 2021. 

Dove si disputano gli Europei del 2021?

I Campionati Europei 2021 sono itineranti: inizialmente la formula è stata prevista per celebrare il 60esimo anniversario dalla nascita degli stessi e, per questo motivo, non è stata scelta una sola sede per gli Europei, ma più realtà geografiche in grado di coinvolgere e attirare spettatori di tutta Europa. La partita inaugurale viene svolta allo Stadio Olimpico di Roma, con il match tra Italia e Turchia previsto per l’11 giugno del 2021, mentre semifinali e finali del torneo sono previste nel Wembley Stadium di Londra.

Le città preposte inizialmente ad accogliere incontri calcistici sono state: Copenaghen, Bucarest, Amsterdam, Dublino, Bilbao, Budapest, Glasgow, Bruxelles, Baku, Roma, Monaco di Baviera, San Pietroburgo e Londra. A seguito della riformulazione dei calendari e di alcune realtà calcistiche, le stesse sono state organizzate in base ai gruppi, secondo il seguente schema:

  • Gruppo A: Roma e Baku
  • Gruppo B: San Pietroburgo e Copenaghen
  • Gruppo C: Amsterdam e Bucarest
  • Gruppo D: Londra e Glasgow
  • Gruppo E: Siviglia e San Pietroburgo
  • Gruppo F: Monaco di Baviera e Budapest

Le squadre partecipanti agli Europei 2020/2021

Secondo il meccanismo di qualificazione, garantito da un torneo preliminare tra diverse nazionali, è stato stabilito quale fosse il numero delle nazionali a cui è stata permessa una qualificazione al torneo; in secondo luogo, la Nations League ha permesso di stabilire, attraverso le quattro vincitrici della prima fascia, le quattro nazionali che avrebbero ottenuto un posizionamento in tabellone indipendentemente dalle qualificazione europee. Sulla base di queste determinazioni, le squadre partecipanti sono le seguenti:

 

  • Gruppo A: Italia, Svizzera, Turchia, Galles.
  • Gruppo B: Belgio, Russia, Danimarca, Finlandia.
  • Gruppo C: Ucraina, Olanda, Austria, Macedonia del Nord.
  • Gruppo D: Inghilterra, Croazia, Scozia, Repubblica Ceca.
  • Gruppo E: Spagna, Svezia, Polonia, Slovacchia.
  • Gruppo F: Germania, Francia, Portogallo, Ungheria.

Grandi assenze ed esclusioni tra i convocati

Gli Europei del 2021 sono segnati dall’assenza di alcuni calciatori che, per infortunio o esclusione, non sono stati inseriti all’interno delle liste dei convocati ufficiali. L’Italia ha dovuto fare a meno di Nicolò Zaniolo, per un grave infortunio che l’ha riguardato proprio in

nazionale, oltre che di Lorenzo Pellegrini e Stefano Sensi, che sono stati sostituiti da Matteo Pessina e Gaetano Castrovilli. Tra le altre assenze di lusso c’è quella di Zlatan Ibrahimovic per la Svezia, dopo che il campione aveva fatto ritorno nella sua nazionale sfornando ottime prestazioni; e ancora, la Spagna fa a meno di Sergio Ramos, mentre la Germania di Marc Andrè Ter Stegen mentre la Francia, che aveva permesso il ritorno in squadra di Benzema, ha dovuto rinunciarvi per il suo infortunio. 

Dipamela

Cosa fare se la porta non si apre?

Può capitare a tutti di tornare a casa e scoprire di non riuscire ad aprire la porta di ingresso. I motivi di questo inconveniente possono essere tanti, ma la soluzione che di solito si decide di adottare è quella di chiamare i vigili del fuoco in modo che rompano la serratura e sblocchino la porta e ci permettano di rientrare in casa. In realtà, però, chiamare i pompieri non dovrebbe essere la norma in questi casi: queste importanti autorità, infatti, dovrebbero essere contattare soltanto in caso di estrema urgenza o necessità. La norma, quando si rimane chiusi fuori da casa, dovrebbe essere quella di contattare un servizio di fabbro pronto intervento Monza e provincia attivo 24 ore su 24 e che intervenga velocemente.

Per evitare chiamate inutili, i vigili del fuoco hanno adottato una soluzione piuttosto drastica: se dopo l’intervento risulta chiaro che non ci fosse nessuna situazione di emergenza, il cittadino dovrà pagare i costi dell’intervento, che non saranno affatto competitivi con quelli degli altri professionisti! Ma cosa fare se non si resta chiusi fuori di casa e non si vuole pagare l’intervento di un professionista che si occupi di sbloccare la porta di ingresso?

Identificare il problema

Il primo passo, il più importante, è capire quale sia il problema. Se non si sa sui cosa intervenire i tentativi di sbloccare la porta potrebbero essere inutili se non addirittura dannosi. Quindi è importante cercare di capire subito se il problema è effettivamente la vostra porta, oppure la serratura. In alcuni casi il problema è davvero di facile individuazione: la chiave non gira? Il problema sta nella serratura (o nella chiave); la porta sembra bloccata a causa dell’attrito con il pavimento? Allora probabilmente il problema è nel telaio della porta. Identificare il problema che affligge la vostra porta rapidamente è assolutamente necessario per iniziare a pensare ad una soluzione.

Cosa fare se la chiave non gira?

Se il problema sembra essere nella serratura, allora occorre procedere a tentativi: il primo passo è provare a contattare qualcuno che abbia una copia delle chiavi. Solitamente, infatti, la serratura funziona perfettamente e sono le chiavi ad essersi danneggiate. Se non c’è modo di provare con un secondo mazzo di chiavi, oppure nemmeno le chiavi di riserva riescono ad aprire la porta, allora conviene provare a comportarsi come se il problema fosse nella serratura. Procuratevi del lubrificante e provate a spruzzarlo all’interno della serratura. Non abbiate paura di esagerare, se la serratura si è inceppata occorrerà spruzzarne una buona dose. Se la chiave non gira dopo aver applicato il lubrificante riprovate una seconda volta.

Se il lubrificante non risolve il problema, evitate di provare ad improvvisarvi scassinatori: se bastassero degli strumenti da principiante e un video su youtube, la vostra serratura non durerebbe nemmeno 10 secondo contro un ladro professionista. Un tentativo disperato che raramente da buoni risultati è quello di provare a rimettere apposta la serratura utilizzando la stessa chiave: stando attenti a non danneggiare nulla, si può provare a dare dei colpetti utilizzando la chiave per vedere se la serratura riesce a sbloccarsi.

Cosa fare se la porta non si apre?

Se il problema sembra essere la porta, non c’è molto che si possa fare. Stando attenti a non farsi male e a non sforzarsi troppo, l’unica cosa da fare è provare a sollevare leggermente la porta mentre si cerca di spingerla e sperare che questo basti ad aggirare le ragioni del blocco. Eventualmente si può provare a spruzzare del lubrificante sui cardini e sotto la porta, anche se raramente questa manovra ha un qualche effetto. Qualora la porta dovesse rimanere bloccata, allora sarà necessario chiamare un fabbro per l’apertura della porta.