Home

ByRedazione Pubblicato Febbraio 13, 2018

La cellulite: problema comune a molte donne. Quali sono i migliori rimedi?

Da qualche tempo hai notato la presenza di zone con pelle a buccia d’arancia? Niente paura, in questo articolo scopriremo le cause della cellulite e i possibili rimedi! Leggi tutto

ByRedazione Pubblicato Febbraio 12, 2018

Perchè camminare in montagna fa bene alla salute

Camminare in montagna non solo migliora l’umore e riduce lo stress ma apporta notevoli benefici al nostro organismo. Leggi tutto

ByRedazione Pubblicato Febbraio 11, 2018

Funzionano le creme anticellulite? Verità e analisi delle migliori

Uno dei quesiti più ricercati sul web è proprio questo: Funzionano le creme anticellulite? Ecco tutta la verità, l’elenco dei migliori prodotti,quelle must have e le componenti funzionali che devono avere per essere efficaci. Leggi tutto

ByRedazione Pubblicato Febbraio 11, 2018

Attività fisica per rimuovere la cellulite – consigli

Fare regolare attività fisica è fondamentale per rimuovere la cellulite e per mantenersi in forma tutto l’anno. Sono tanti gli sport capaci di dare ottimi risultati e di limitare ed eliminare gli inestetismi da parti sensibili come glutei, cosce e addome, che si consiglia di praticare almeno 2 o 3 volte alla settimana e per circa 10 mesi all’anno. Scoprite come sentirsi bene e senza cellulite in questa guida. Leggi tutto

ByRedazione Pubblicato Giugno 4, 2024

Eventi aziendali: l’importanza di scegliere la location giusta

Prendendo in considerazione il mondo del lavoro contemporaneo, risulta immediato comprendere come il panorama di riferimento sia estremamente mutevole. Oggi più che mai, infatti, il cambiamento rappresenta una costante nello sviluppo dei progetti aziendali più disparati. Concetti come quello di digitalizzazione e la diffusione del processo di globalizzazione hanno rivoluzionato il modo in cui le imprese si approcciano al compimento di varie operazioni, tra cui anche comunicare e presentarsi al mercato territoriale o internazionale.

Insomma, si tratta di mutamenti significativi che hanno ridefinito il concetto stesso di fare impresa, rendendola tutt’altro che un’impresa statica come veniva concepita in passato e rendendola, invece, un organismo dinamico e interconnesso. Gli eventi aziendali sono emersi come una soluzione di grande importanza per poter mantenere un legame significativo con i dipendenti, i clienti e ogni parte coinvolta all’interno dei processi aziendali.

Oggi, gli eventi aziendali assumono un ruolo cruciale per il conseguimento dei più disparati obiettivi di impresa, a prescindere dalla finalità per i quali vengono organizzati: dal team building al lancio di prodotti, fino ad arrivare alle conferenze e alle sessioni di formazione. In ogni caso, gli eventi aziendali sono un’opportunità preziosa, utile a consolidare rapporti e lanciare messaggi impattanti.

Al di là della tipologia, dunque, organizzare un evento aziendale significa prendere in considerazione una moltitudine di fattori, di cui doversi prendere cura in modo diligente e analizzando i vari aspetti critici che potrebbero mettere a repentaglio la buona riuscita dell’operazione. In questo approfondimento andremo a scoprire tutto ciò che c’è da sapere sui criteri e i parametri comuni da rispettare per poter condurre il proprio evento aziendale al successo e conseguire tutti gli obiettivi a cui si punta in fase di organizzazione.

 

Scelta della location: il momento critico per eccellenza nella produzione dell’evento

Uno dei primissimi step utili ad assicurarsi il successo di un evento aziendale è la scelta della location. Ovviamente, si tratta di un fattore strettamente legato alla tipologia di evento di cui si sta parlando. È fondamentale, infatti, trovare una location appropriata e facilmente accessibile per tutti i partecipanti, che si adatti alla perfezione al tipo di operazione che si punta a compiere e che possa accogliere al meglio l’immagine dell’azienda ed i suoi valori. Chi è in cerca di una location per eventi a Milano potrebbe considerare la proposta di MetroLoft Eventi, realtà territoriale con, a disposizione, una struttura da 220 mq ideale per eventi aziendali.

Un loft per eventi in esclusiva può offrire un livello superiore di privacy ed esclusività, essendo dedicato interamente a un singolo evento. A differenza dei locali pubblici che possono ospitare più eventi contemporaneamente, affittare un loft esclusivo permette un controllo completo dell’ambiente, evitando interferenze esterne. Questo crea un’atmosfera più intima e confortevole per gli ospiti, che possono godersi l’evento senza distrazioni. Le location esclusive aggiungono un tocco unico e memorabile, grazie a caratteristiche come una vista panoramica, un design architettonico particolare o un’ambientazione suggestiva. Inoltre, se l’evento richiede foto o video di alta qualità e facilmente condivisibili sui social media, un loft esclusivo diventa il luogo ideale, stimolando i partecipanti a condividere immagini di un ambiente unico, piuttosto che di un ristorante comune e già visto.

Prima ancora di iniziare a pianificare l’evento, è fondamentale stabilire obiettivi chiari e definiti per l’operazione che si compie. Si tratta degli elementi decisivi per tutte le scelte organizzative relative alla pianificazione e all’esecuzione dell’evento. Pianificare l’iniziativa in modo dettagliato, attraverso un piano d’azione e una timeline permette di contenere il budget e di definirlo in maniera dettagliata, pur assicurandosi il conseguimento ottimale dei vari obiettivi.

Avere a propria disposizione un team di lavoro competente e ben coordinato rappresenta un aspetto cruciale per il successo di un evento aziendale. È per questo motivo che in fase di collaborazione la scelta migliore è quella di assegnare ruoli e responsabilità e ben definite. Così facendo, ogni membro del team di lavoro conoscerà il proprio posto e le mansioni che andrà a svolgere. Oltre a questo, è importante scegliere dei provider affidabili per servizi connessi all’evento come quelli relativi al catering o all’eventuale intrattenimento. La buona riuscita di un’iniziativa del genere è anche il frutto di una collaborazione proattiva tra tutte le realtà coinvolte, oltre – ovviamente – ai membri del proprio team di lavoro.

ByRedazione Pubblicato Gennaio 29, 2024

10 lavori + 2 ad alto guadagno che puoi iniziare dopo i 40 anni

Sei un professionista over 40 alla ricerca di un nuovo lavoro ben retribuito ma non hai una laurea? Non preoccuparti, esistono numerose opportunità lavorative che offrono alti guadagni e che non richiedono un titolo accademico. In questo articolo, esploreremo 10 lavori + 2 che puoi iniziare senza una laurea e che offrono elevate prospettive di guadagno.

Inoltre, forniremo anche due opzioni di lavoro per coloro che desiderano diventare nomadi digitali, consentendo loro di lavorare in modo flessibile da qualsiasi parte del mondo.

  1. Project Manager:
    Come Project Manager, hai la responsabilità di pianificare, coordinare ed eseguire progetti di successo. Se hai una vasta esperienza in un settore specifico e abilità di leadership, puoi intraprendere questa carriera senza una laurea. La tua capacità di gestire risorse, comunicare efficacemente e mantenere il controllo del progetto può portare a guadagni elevati, poiché le aziende sono disposte a investire in professionisti esperti che possono consegnare progetti di valore.
  2. Consulente finanziario:
    Se hai una conoscenza approfondita delle finanze personali e degli investimenti, puoi diventare un consulente finanziario. Aiuti le persone a gestire i loro risparmi, a fare investimenti intelligenti e a pianificare per il futuro. Non è richiesta una laurea in finanza, ma dovrai acquisire una certificazione come consulente finanziario per costruire la tua credibilità. I consulenti finanziari di successo possono guadagnare commissioni elevate in base agli investimenti gestiti.
  3. Agente immobiliare:
    L’agente immobiliare è una professione accessibile a coloro che cercano un lavoro ad alto guadagno senza una laurea. Devi completare un corso di formazione e ottenere una licenza per esercitare, ma una volta ottenuta, puoi guadagnare commissioni elevate dalla vendita o dall’affitto di proprietà immobiliari. Il successo in questa carriera dipende dalla tua capacità di costruire relazioni, di negoziare e di conoscere il mercato immobiliare locale.
  4. Programmatore informatico:
    La programmazione informatica è un settore in cui le competenze e l’esperienza sono spesso più importanti del titolo di studio. Puoi apprendere i linguaggi di programmazione più richiesti come Python, Java o C++ tramite corsi online, tutorial e progetti personali. Essere un programmatore competente può portare a opportunità di lavoro ben retribuite, poiché le aziende hanno bisogno di sviluppatori per creare e mantenere applicazioni, siti web e software.
  5. Ingegnere delle vendite:
    Se hai una buona capacità di comunicazione, abilità di negoziazione e una profonda conoscenza di un determinato settore, puoi diventare un ingegnere delle vendite. Questa figura si occupa di vendere prodotti o servizi tecnici agli acquirenti commerciali. Guadagni commissioni in base alle vendite generate e, se riesci a costruire una solida rete di clienti, puoi ottenere guadagni elevati.
  6. Responsabile degli acquisti:
    Il responsabile degli acquisti è responsabile di gestire il processo di approvvigionamento per un’azienda. Questa figura si occupa di negoziare con i fornitori, di gestire contratti e di ottimizzare i costi degli acquisti. Con la tua esperienza nel settore e le tue capacità di negoziazione, puoi raggiungere una posizione di responsabilità e guadagnare un salario elevato.
  7. Consulente di marketing digitale:
    Il marketing digitale è un campo in rapida crescita e offre numerose opportunità per coloro che hanno competenze nel settore. Puoi diventare un consulente di marketing digitale senza una laurea, ma dovrai dimostrare una conoscenza approfondita di strategie di marketing online, come SEO, pubblicità online, social media marketing e email marketing. Con il giusto mix di competenze e una buona reputazione, puoi lavorare come consulente per aziende che desiderano migliorare la loro presenza online e guadagnare una buona remunerazione.
  8. Esperto di risorse umane:
    Se hai esperienza nel campo delle risorse umane e una buona conoscenza delle leggi del lavoro, puoi lavorare come esperto di risorse umane. Questa figura si occupa di reclutamento, selezione, formazione e gestione del personale. Le aziende sono disposte a investire in professionisti esperti che possono contribuire a creare un ambiente lavorativo positivo e ad attrarre e trattenere talenti. Con il tuo bagaglio di competenze e la tua esperienza, puoi guadagnare un salario elevato come esperto di risorse umane.
  9. Consulente di business:
    Se hai esperienza pluriennale in un settore specifico e una vasta conoscenza delle dinamiche aziendali, puoi lavorare come consulente di business. Offri consulenza e supporto alle imprese per migliorare le loro operazioni, aumentare l’efficienza e massimizzare i profitti. Come consulente di successo, puoi guadagnare un buon compenso per le tue competenze e la tua esperienza nel settore.
  10. Traduttore freelance:
    Se sei fluente in più lingue, puoi lavorare come traduttore freelance. Offri servizi di traduzione scritta o interpretariato per aziende, agenzie di traduzione o clienti privati. Puoi specializzarti in un settore specifico, come legale, tecnico o medico, per aumentare la tua domanda e il tuo guadagno. Come traduttore freelance, hai la flessibilità di lavorare da casa o da qualsiasi altra parte del mondo, se desideri diventare un nomade digitale.

Lavori da nomade digitale:

  1. Copywriter freelance:
    Se hai buone competenze di scrittura persuasiva e creativa, puoi lavorare come copywriter freelance. Scrivi testi promozionali, pubblicitari o contenuti per siti web, blog e social media. Puoi lavorare da qualsiasi luogo con una connessione Internet e avere la flessibilità di scegliere i tuoi clienti e i tuoi progetti.
  2. Consulente betting da remoto:
    Come consulente betting da remoto, offri servizi di consulenza in ambito sportivo a distanza. Puoi gestire campagne di marketing online, analizzare dati, creare strategie e offrire consulenza sulle scommesse personalizzate a clienti in tutto il mondo (se vuoi scoprire la prima tipster house italiana clicca qui). Questa professione ti consente di lavorare in modo flessibile e di adattarti a diversi fusi orari.

Conclusioni

Non avere una laurea non significa che non puoi accedere a lavori ben retribuiti. Esistono diverse opportunità per i professionisti over 40 che desiderano un cambiamento di carriera e un guadagno elevato. Dai project manager ai consulenti finanziari, dagli agenti immobiliari agli ingegneri delle vendite, ci sono molte strade aperte per te. Inoltre, se desideri abbracciare lo stile di vita del nomade digitale, lavori come copywriter freelance o consulente di marketing digitale remoto possono offrirti la libertà di lavorare da qualsiasi parte del mondo. Quindi, prendi in considerazione queste opportunità e sfrutta al massimo le tue competenze e la tua esperienza per raggiungere i tuoi obiettivi professionali e finanziari.

ByRedazione Pubblicato Agosto 14, 2023

Cripto e cannabis: un connubio per superare le barriere burocratiche

Come le criptovalute stanno incidendo sul mercato della cannabis e plasmando il futuro panorama di questo settore

Il mercato della cannabis progredisce di anno in anno, alimentato da un numero crescente di acquirenti che, anche grazie alla graduale legalizzazione di questa pianta, possono accedere ai prodotti da essa ottenuti in modo completamente legale.

Certo, si tratta di una realtà ancora circoscritta a determinate regioni geografiche, su tutte gli Stati Uniti, nei quali le restrizioni nei confronti della compravendita di questa sostanza si stanno affievolendo sempre di più.

Qui in Europa, invece, la strada verso la legalizzazione della cannabis è ancora lunga e, salvo rare eccezioni, ovvero Malta e il Lussemburgo, il suo acquisto e consumo sono ancora illeciti in quasi tutti gli Stati membri. E, naturalmente, questo vale anche qui in Italia dove attualmente l’unica tipologia di cannabis perfettamente legale resta quella cosiddetta light, protagonista in un mercato sostenuto da diversi negozi online, come Justbob, che propongono vari prodotti al CBD acquistabili esclusivamente ai fini consentiti dalla legge.

Insomma, questa situazione in divenire ci fa comprendere che, per quanto tale sostanza stia lentamente subendo un processo di rivalutazione in positivo, il suo status normativo è ancora molto discusso al livello internazionale. E, per questo motivo, anche nei Paesi nei quali è stata legalizzata, il suo acquisto può incontrare ostacoli burocratici e legali.

Tutto questo ha dato il via da diversi anni a un fenomeno molto interessante: allo scopo di difendere i consumatori che agiscono in totale conformità alle leggi vigenti da simili problemi, sono state create diverse criptovalute dedicate specificatamente al mondo della cannabis.

Esploreremo più a fondo questo tema nel seguente articolo.

Criptovalute nel mondo della cannabis: perché sono state introdotte?

Le criptovalute sono monete digitali basate su una tecnologia chiamata blockchain che garantisce sicurezza, trasparenza e decentralizzazione delle transazioni. Sono nate come alternativa ai sistemi bancari tradizionali, che spesso pongono limiti e vincoli agli scambi di beni e servizi.

Ma cosa hanno a che fare queste tecnologie con il mondo della cannabis?

Il motivo è presto detto: in un ambito così delicato come quello dei prodotti a base di cannabis, le criptovalute permettono di superare le difficoltà legali e burocratiche che ostacolano il loro commercio in numerosi Paesi, per lo più negli States, dove le norme variano da Stato a Stato e si muovono in un contesto più ampio, quello federale, che ancora non riesce ad armonizzare i regolamenti dei singoli membri.

Pertanto, anche laddove tali articoli sono stati legalizzati, le banche possono rifiutarsi di accettare i pagamenti relativi a questa merce, per timore di violare le norme federali.

Per questo motivo, sono state create delle criptovalute specificatamente dedicate alla cannabis, che hanno lo scopo di facilitare le transazioni tra produttori, distributori e consumatori. Queste monete virtuali hanno anche il vantaggio di proteggere la privacy degli utenti, che possono acquistare senza lasciare tracce sui propri conti bancari.

Detto questo, vediamo di seguito quali sono le criptovalute più note dedicate specificatamente al settore della cannabis.

PotCoin

PotCoin è una delle prime criptovalute dedicate alla cannabia.

Lanciata nel 2014, questa moneta ha lo scopo di creare una rete globale di utenti e commercianti che operano nel settore della cannabis, fornendo loro una piattaforma di pagamento rapida ed economica e il progetto legato a questa valuta può contare anche su di una propria fondazione, che si occupa di sostenere progetti sociali e ambientali legati alla cannabis.

HempCoin

HempCoin è un’altra criptovaluta storica nel settore della cannabis, nata nel 2014. A differenza di PotCoin, che si focalizza principalmente sui consumatori finali, HempCoin si rivolge agli agricoltori e ai distributori di canapa industriale e prodotti derivati e ha lo scopo di facilitare le operazioni commerciali tra questi attori, offrendo una soluzione sicura, veloce e a basso costo.

HempCoin utilizza il protocollo masternode, che permette di effettuare transazioni istantanee e anonime.

CannabisCoin

CannabisCoin è l’ennesima criptovaluta nata nel 2014 con l’obiettivo di facilitare l’accesso alla cannabis medicinale.

Nell’ambito di questa cripto è stato creato un sistema chiamato Yes We CANN (YWC), che permette di scambiare una moneta CannabisCoin con un grammo di cannabis in alcuni dispensari autorizzati. In questo modo, si vuole garantire un prezzo stabile e accessibile per i pazienti che necessitano di cannabis terapeutica

CannabisCoin si basa sul protocollo proof-of-work, che assicura la sicurezza e l’equità della rete.

Paragon

Paragon è una criptovaluta lanciata nel 2017, anch’essa con l’ambizione di creare un ecosistema basato sulla blockchain per il settore della cannabis. L’obiettivo di questo progetto è quello di connettere i diversi attori della filiera della cannabis, dalla coltivazione alla vendita al consumo, offrendo loro una piattaforma per registrare e verificare le informazioni relative alla qualità, alla provenienza e alla conformità legale dei prodotti.

Paragon ha anche l’obiettivo di creare degli spazi fisici chiamati Paragon Spaces, dove gli appassionati e gli esperti di cannabis possono incontrarsi e collaborare.

DopeCoin

DopeCoin è una criptovaluta nata con l’intento di fornire una soluzione di pagamento sicura e anonima per i consumatori e i venditori di cannabis.

Questa moneta virtuale sfrutta il protocollo proof-of-stake, che permette agli utenti di guadagnare interessi tenendo le monete nel loro portafoglio. DopeCoin ha anche lanciato un servizio chiamato Smoke Exchange, una piattaforma pubblicitaria dedicata al settore della cannabis.

In conclusione

Quanto illustrato in questo articolo dimostra perfettamente come la digitalizzazione può superare le sfide tradizionali del commercio.

La necessità di una soluzione alle restrizioni bancarie e legali legate alla varietà di normative presenti negli USA ha dato vita a diverse criptovalute, ciascuna con una propria nicchia e visione per servire la comunità della cannabis. Che si tratti di garantire l’anonimato dei consumatori, di connettere gli stakeholder lungo tutta la catena di approvvigionamento o di sostenere progetti sociali, tali criptovalute stanno plasmando un nuovo ecosistema di commercio.

E, mentre la legalizzazione della cannabis continua a evolversi globalmente, l’adozione di queste monete virtuali può diventare un fattore chiave nel garantire la fluidità delle transazioni e la sicurezza dei consumatori.

ByRedazione Pubblicato Marzo 28, 2023

Giardini Pensili e tetti verdi

Un giardino pensile, chiamato anche giardino verticale, è un’area verde che viene creata su una superficie verticale, come una parete, un muro o una recinzione.

Questo tipo di giardino rappresenta una soluzione innovativa per creare spazi verdi in luoghi dove il terreno è limitato o non disponibile, come in città o in edifici ad alta densità.

Tipologie di giardini verticali

Il giardino pensile può essere creato utilizzando diverse tecniche e materiali, a seconda delle esigenze e del luogo di installazione. In genere, i giardini pensili si dividono in due tipologie principali: i giardini pensili a terra e i giardini pensili sospesi.

  • I giardini pensili a terra vengono creati utilizzando pannelli verticali che vengono installati sulla superficie del terreno, su cui vengono posizionate le piante. Questo tipo di giardino è particolarmente adatto per creare pareti verdi in giardini, cortili o terrazze.
  • I giardini pensili sospesi, invece, sono composti da una struttura metallica o in legno a cui vengono appese le piante. Questo tipo di giardino è molto versatile e può essere utilizzato per creare pareti verdi in interni, come uffici o spazi commerciali, o per decorare la facciata di edifici.

Per assicurarsi un lavoro a regola d’arte è consigliato affidarsi a società e professionisti del settore con anni di esperienza alle spalle e numerose installazioni di giardini pensili effettuate.

È necessario infatti che un addetto ai lavori venga preventivamente a controllare la situazione della tua abitazione o del luogo dove avevi intenzione di effettuare l’installazione per controllare che sia tutto in regola e si possa procedere senza problemi con la realizzazione del giardino verticale.

A cosa bisogna far attenzione per installare un giardino pensile?

Per creare un giardino pensile di successo, è importante prestare attenzione a diversi fattori. Ecco alcuni elementi da considerare per posizionare il giardino pensile:

  1. L’esposizione: Le piante utilizzate nel giardino pensile hanno bisogno di luce solare per crescere correttamente. Pertanto, è importante scegliere un’area esposta alla luce del sole per la maggior parte della giornata. Se il giardino pensile è situato in un’area esposta al sole diretto, è possibile optare per piante che sopportano alte temperature e la siccità.
  2. La portata e la resistenza del muro: Prima di installare un giardino pensile su un muro o una recinzione, è importante verificare la capacità portante della struttura. Se il muro non è in grado di sostenere il peso del giardino pensile, sarà necessario creare una struttura di supporto adeguata.
  3. La posizione dell’impianto di irrigazione: Il giardino pensile ha bisogno di un sistema di irrigazione adeguato per mantenere le piante idratate e sane. Pertanto, è importante scegliere un’area vicino a un impianto di irrigazione esistente o pianificare un nuovo sistema di irrigazione per il giardino pensile.
  4. Il substrato: Il substrato utilizzato nel giardino pensile deve essere in grado di fornire alle piante i nutrienti necessari per la crescita e lo sviluppo. È importante scegliere un substrato di alta qualità e adatto alle esigenze delle piante utilizzate.
  5. La manutenzione: Il giardino pensile richiede una regolare manutenzione per rimuovere le piante morte o danneggiate e per mantenere le piante sane e belle. È importante pianificare una routine di manutenzione adeguata e considerare il tempo e le risorse necessarie per mantenere il giardino pensile.

Dove inserire il giardino pensile?

Il giardino pensile può essere installato sia in ambienti esterni che interni, a seconda delle esigenze e della disponibilità di spazio.

Ad esempio, il giardino pensile può essere creato su una parete esterna di un edificio, in un balcone, in una terrazza, in un cortile o in un giardino. In interni, il giardino pensile può essere installato in un ufficio, in una casa o in uno spazio commerciale.

Il terrazzo è sicuramente il luogo principale che sta andando più di moda dove inserire il giardino pensile, in quanto risulta essere la soluzione ideale per chi ha poco spazio ma vuole comunque godere della bellezza delle piante e della natura.

Qual è il giardino pensile più famoso al mondo?

Il giardino pensile di Babilonia è sicuramente il più conosciuto al mondo.
Si dice che questo giardino pensile fosse una delle sette meraviglie del mondo antico.

Secondo la leggenda, il giardino fu costruito dal re Nabucodonosor II per la moglie Amytis, che proveniva da una regione montuosa e desiderava vedere i giardini della sua terra natale. Il giardino era costituito da una serie di terrazze, ciascuna più alta della precedente, con alberi, piante e fiori di ogni genere.

È possibile scoprire di più su questi giardini su Wikipedia od altri portali d’informazione come Focus.

 

 

ByRedazione Pubblicato Marzo 13, 2023

Ansia e libera professione: ecco 5 modi per combatterla

La libera professione può essere un lavoro altamente gratificante e stimolante, ma può anche portare a una serie di sfide, tra cui l’ansia. Essere un professionista autonomo significa dover gestire l’incertezza finanziaria, la concorrenza e le pressioni esterne per avere successo.

Tuttavia, ci sono modi per combattere questo problema e fare fronte alle sfide che si porta con sé l’avventura della libera professione.

Vediamo insieme cinque modi per combattere l’ansia che nasce se hai un’attività come libero professionista:

1- Trova i tuoi “coping mechanisms”

Ognuno ha modi diversi per far fronte allo stress e all’ansia. Alcune persone trovano utile praticare la meditazione o lo yoga, altre preferiscono fare esercizio fisico o dedicarsi a un hobby che li distragga. L’importante è trovare ciò che funziona per te e incorporarlo nella tua routine quotidiana.

Ci sono anche tecniche di respirazione che possono aiutare ad alleviare l’ansia. La respirazione diaframmatica, ad esempio, è una tecnica di respirazione che coinvolge il diaframma invece dei muscoli delle spalle e del petto. Questa tecnica può aiutare a ridurre la frequenza cardiaca e la pressione sanguigna, aiutando a calmare i nervi.

Trovare il sistema o i sistemi che funzionano per te ti aiuterà nei momenti di crisi.

Lavorare sulle cause è importante ma lo è ancora di più saper gestire le crisi quando e se dovessero arrivare: la cosa più pericolosa in questi casi è farsi prendere dal panico

2- Crea un network per combattere la sindrome dell’impostore

La sindrome dell’impostore è un sentimento comune tra i liberi professionisti. Si tratta di una sensazione di insicurezza e di sentirsi inadeguati rispetto ai propri colleghi. Per combattere la sindrome dell’impostore, è importante creare una rete di supporto di persone che ti sostengono e ti incoraggiano.

Puoi creare un gruppo di networking professionale o partecipare a eventi di networking per incontrare altri professionisti della tua industria. In questo modo, potrai incontrare persone che hanno le tue stesse preoccupazioni e problemi e potrai condividere esperienze e consigli.

Anche un mentore può essere un’ottima risorsa per aiutarti a superare la sindrome dell’impostore.

Trovare persone simili a te con cui confrontarti è un ottimo aiuto per capire che non sei solo e che certe sfide sono solo ostacoli momentanei che puoi superare facilmente. Confrontarti con chi ci è già passato può anche aiutarti a capire come fare.

3- Formazione, formazione, formazione

La formazione continua è un elemento chiave per mantenere il tuo lavoro al passo con le tendenze del settore e le tecnologie in evoluzione. Essere aggiornati sui trend del tuo settore ti aiuterà ad adattare il tuo lavoro alle esigenze dei clienti e a rimanere competitivo sul mercato.

Inoltre, la formazione può aiutare ad aumentare la tua autostima e la fiducia nelle tue capacità.

Conoscere bene il tuo lavoro e le sue pratiche ti renderà meno vulnerabile all’ansia e alle preoccupazioni per il futuro.

4- Crea un piano B

La libera professione può essere un lavoro instabile e imprevedibile. A volte, i clienti possono decidere di cambiare direzione o la domanda per il tuo servizio può diminuire improvvisamente. Per evitare l’ansia finanziaria, è importante creare un piano B.

Ciò potrebbe significare trovare un secondo lavoro a tempo parziale o creare una fonte alternativa di reddito, come un blog o un canale YouTube. Creare un piano B può darti una maggiore sicurezza finanziaria e ridurre il livello di ansia in caso di imprevisti.

Tuttavia, è importante anche non distrarsi troppo dal tuo lavoro principale. Assicurati che il tuo piano B non interferisca con il tuo lavoro principale e non ti distragga dall’ottenere successo nella tua professione.

5- Diminuisci il livello di incertezza con un’ottima pianificazione fiscale

La pianificazione fiscale è un aspetto importante della libera professione.

Una pianificazione fiscale accurata può ridurre l’ansia finanziaria e darti una maggiore stabilità economica.

Assicurati di tenere traccia di tutte le tue entrate e uscite e di pianificare le tue tasse in modo accurato. Potrebbe anche essere utile assumere un commercialista o un esperto fiscale per aiutarti a navigare in questo campo. Per questo sono nati diversi servizi online come ad esempio Fiscozen che offre a tutti i suoi iscritti un commercialista dedicato, un software chiaro e intuitivo per la gestione della fatturazione elettronica e una dashboard che si aggiorna in tempo reale con adempimenti e scadenze.

Inoltre, cerca di mantenere una certa quantità di riserve economiche.

Avere un fondo di emergenza può aiutare a ridurre l’ansia finanziaria e fornirti una rete di sicurezza in caso di imprevisti.

 

 

ByRedazione Pubblicato Marzo 11, 2023

Conto deposito: cos’è e come funziona

Il conto deposito è un particolare tipo di conto bancario, al quale solitamente viene associato un conto corrente di appoggio.

Il suo scopo è quello di accantonare (appunto mettere in deposito) una quantità di soldi e guadagnare un surplus tramite gli interessi che fruttano, portando ad un guadagno.

Si tratta di un mezzo di investimento e risparmio semplice da utilizzare ma non privo di rischi e obblighi. Consultando questa guida si potranno conoscere meglio tutte le info e capire come muoversi per attivare un nuovo conto deposito.

Il contratto di conto deposito

Il conto deposito prevede la firma e la compilazione di un contratto. Una serie di regole, obblighi, costi e diritti sanciti tra banca e risparmiatore secondo le leggi vigenti.

Alcuni dati contenuti nel contratto sono: tasso di interesse annuo lordo, criterio di calcolo degli interessi, spese di apertura e chiusura, produzione di rendiconto, addebito imposta di bollo, spese di versamento e prelevamento, data disponibilità per bonifici di ingresso, valuta di accredito anche da altre banche, valute di addebito, eccetera.

I dati sono tanti ed è importante conservare il contratto di apertura del conto deposito. Come abbiamo detto si tratta di un prodotto finanziario di media difficoltà.

Condizioni di apertura del conto deposito

L’apertura di un conto deposito non è difficile, richiede sicuramente dei soldi iniziare da vincolare, aggiungere successivamente oppure rendere fissi. La banca chiederà questi dati: codice fiscale, documento di identità, un conto corrente tradizionale di appoggio, sarà utile per il versamento degli interessi oppure per svincolare i soldi versati al momento della chiusura o alla fine naturale del contratto.

Ogni conto deposito ha un rendimento effettivo indicato e anche delle spese, quindi considerate bene i soldi che inserite e ciò che verrà applicato tra entrate e uscite. Nel contratto vengono sempre indicati questi dati: tasso di interesse, logica di capitalizzazione, spese, tasso effettivo.

Alcune banche che offrono conti deposito

Non tutte le banche offrono la possibilità di aprire un conto deposito. Di seguito ecco tre realtà finanziarie importanti per aprirne uno in Italia.

Santander offre ioPosso e ioScelgo, due soluzioni di conto deposito, una vincolato e l’altro conto libero. Convenienti e per tutte le tasche, Santander è una banca spagnola conosciuta a livello internazionale ed i tassi offerti variano a seconda dei tassi BCE. Per maggiori dettagli si può contattare il loro servizio clienti per conoscere tutte le info e farsi risolvere eventuali dubbi.

Conto Arancio è un brand decisamente importante che offre diverse soluzioni di risparmio e rendimento. Il principale conto deposito proposto ha zero spese e dura 12 mesi. Può essere gestito anche da mobile, non ha vincoli complessi e per maggiori dettagli si consiglia di consultare questa pagina.

Banca IFIS offre tre tipi di conto deposito Rendimax con tasso annuo lordo, si chiamano libero, like e vincolato. Tre strumenti di investimento e risparmio completi, dove è importante leggere condizioni e informazioni base disponibili a questo link. Il conto vincolato richiede base minima di 1000 euro.

Differenza tra conto vincolato e libero

Nella guida abbiamo spesso parlato di soldi vincolati e non vincolati per il conto deposito. Significa che il risparmiatore può scegliere tra due tipi di conto risparmio investimento.

  • Il conto vincolato può essere temporale o legato ai dati di crescita secondo gli interessi fruttiferi applicati. Quindi, finché non scade il vincolo o non raggiunge una certa somma, il conto deposito non può essere toccato per prelevare fondi.
  • I conti depositi liberi invece permettono, con dei limiti, di prelevare ma soprattutto di versare.
  • I conti vincolati flessibili che dovrebbero permettere di versare, in molti casi è possibile. Alcune banche invece tendono a offrire dei conti fermi sicuri della crescita e del prodotto offerto secondo una strategia studiata da esperti e analisti.

Tutti i rischi di un conto deposito

Il conto deposito è uno strumento di risparmio e investimento semplice ma con obblighi e rischi. Partiamo dal vincolo, il conto deposito necessita di un conto corrente collegato e una quantità di soldi minima per l’applicazione degli interessi che coprono parte delle spese finanziarie legate a questo prodotto bancario.

Le banche indicano sempre alcuni rischi, partendo dal fallimento dell’istituto, cosa succede in questo caso? Si corre il rischio che la banca non possa tenere fede agli obblighi contrattuali, quindi non ha la possibilità di restituire i soldi cin caso di fallimento della banca.

Esiste un sistema obbligatorio di garanzia, uno strumento creato dalla Comunità Europea, il fondo interbancario di tutela dei depositi. Altro elemento di rischio, se il conto è vincolato non è semplice poter recedere dal contratto per poter utilizzare i soldi.

ByRedazione Pubblicato Febbraio 14, 2023

Richiedere e attivare carta Mooney

Mooney di Sisal Pay è arrivata come nuova carta prepagata in questi anni. Risponde all’esigenza di utenti non spaventati dai pagamenti digitali ad avere uno strumento finanziario intuitivo e smart.

La carta prepagata Mooney consente di fare molte cose, anche importanti, ad esempio richiedere l’accredito dello stipendio oppure pagare le bollette.

Ecco di seguito nel dettaglio le principali caratteristiche, come attivarla ed i costi della carta Mooney.

Caratteristica principale e funzioni di Mooney

Carta prepagata significa che può essere ricaricata da Pos abilitato oppure dal tabaccaio. Essendo una carta con Iban può essere utilizzata per risparmiare fondi e anche ricevere o fare bonifici, per questo è utilizzata da lavoratori e anche professionisti o imprenditori per i pagamenti. Vediamo in breve, tutte le funzioni di Mooney.

  • Mooney consente di effettuare pagamenti online in tutti gli esercizi commerciali convenzionati Visa.
  • La carta prepagata ha l’Iban, quindi può disporre bonifici o riceverne. Per questo, al posto del conto corrente normale, la prepagata viene utilizzata per farsi accreditare lo stipendio.
  • Per prelevare soldi, si possono utilizzare tutti gli sportelli ATM convenzionati Visa. Fino al 31 marzo 2022, si poteva prelevare gratuitamente anche presso gli sportelli di Intesa Sanpaolo.
  • La gestione della carta Mooney è semplice, dietro questa carta una piattaforma e-banking MyMooney che è anche un’app. Permette di vedere il credito residuo (saldo), gli ultimi movimenti. Mette a disposizione dei servizi per le ricariche telefoniche e gli acquisti online.

Requisiti per richiedere la carta Mooney

Per richiedere la carta Mooney bisogna essere maggiorenni, quindi se la prepagata è per componenti famigliari sotto i diciotto anni non è possibile farla oppure bisogna informarsi bene. Per loro esistono prepagate dedicate ai giovani.

Secondo requisito importante: documento di identità valido e con scadenza non inferiore ai tre mesi. In più, bisogna avere con sé la tessera sanitaria con codice fiscale. Altro elemento richiesto, la residenza e il domicilio in Italia. L’operatore chiederà anche un cellulare con accesso a Internet e numero italiano. Questo perché, l’attivazione richiede alcuni semplici passaggi via smartphone.

Ultima informazione importantissima: un soggetto può essere intestatario di una sola carta Mooney, quindi se ne avete già una non potete chiederne un’altra. Non può essere cointestata con altre persone.

Richiedere a attivare Mooney: istruzioni

La richiesta e attivazione della carta prepagata Mooney prevede alcuni passaggi, le informazioni prima saranno importanti e scopriamo subito il perché.

Esistono sono due diverse attivazioni: richiesta tramite app o tramite punto vendita, per qualsiasi dubbio si consiglia di contattare il servizio clienti e chiedere direttamente info ad un addetto di Mooney.

Nel caso di richiesta tramite app, la carta da attivare verrà ricevuta a casa entro sette giorni lavorativi, previo riconoscimento da effettuare tramite applicazione.

Nel caso di richiesta in una sede fisica, basterà cercare uno dei punti vendita Mooney nella propria città tramite questo strumento. Quando ci si reca nel punto Mooney bisogna portare: carta di identità valido, tessera sanitaria con codice fiscale, smartphone con collegamento ad Internet e, in particolare, all’app Mooney.

Se la carta è stata richiesta in un punto vendita, per utilizzarla fin da subito sarà sufficiente una ricarica da 10 a massimo 150 euro. Nelle istruzioni troverete i massimali giornalieri per prelievi e depositi come per tutte le prepagate. Se per qualsiasi problematica si vuole recedere, Mooney permette di farlo in qualsiasi momento. Si può scaricare il modulo di recesso da qui e spedirlo via raccomandata secondo le istruzioni dell’articolo indicato.

Due attivazioni diverse e il canone annuo

Per attivazioni in sede Mooney, le ricariche successive si potranno fare dopo aver ricevuto SMS da parti di Mooney. Arriverà entro tre giorni dalla prima ricarica e attivazione. Permetterà di visualizzare anche il codice Iban.

Invece, se la richiesta della carta è avvenuta tramite app, come detto l’attivazione avviene in maniera diversa. Bisogna utilizzare il codice utente che si trova dietro la carta. Nell’app Mooney si deve cliccare su ‘Attiva carta’ e quindi bisogna inserire il codice ricevuto di nove cifre.

Ricordiamo che la carta Mooney ha un costo che è di 10 euro di canone annuo che viene addebitato direttamente sul conto partendo dalla settimana di attivazione.

ByRedazione Pubblicato Febbraio 8, 2023

Perché è importante tenere i propri pneumatici sempre gonfi?

Quando ci si trova alla guida, bisogna sempre ponderare la possibilità di andare incontro ad un incidente.

Ciò non significa un voler essere fatalisti ma, semplicemente, richiama un insieme di attenzioni che bisognerà avere necessariamente quando si è alla guida del proprio veicolo.

La scuola guida, gli insegnamenti dei propri genitori o semplicemente l’esperienza su strada dimostrano che, quando si guida un veicolo, i pericoli possono giungere praticamente da ogni dove: un incrocio affrontato male, un pedone che non si comporta in maniera corretta, un guasto o un malfunzionamento improvviso della propria vettura possono essere alla base di un problema per il conducente.

Una delle possibili dinamiche a cui si può andare incontro, quando ci si trova alla guida, riguarda gli pneumatici sgonfi, che, pur non presentando forature o malfunzionamenti nella ruota, non riescono più a garantire la migliore stabilità possibile per il veicolo. In quei casi, è importante tenere con sé degli strumenti adatti, come i cosiddetti gonfiagomme pneumatici portatili, che permettono di gonfiare gli pneumatici e circolare con maggiore sicurezza sull’asfalto. Ma perché è importante tenere i propri pneumatici sempre gonfi?

Di seguito, si indicano alcune motivazioni per cui sarà fondamentale cercare di provvedere ad una corretta manutenzione costante dei propri pneumatici, onde evitare problematiche, rischi e svantaggi anche economici quando ci si trova alla guida di una vettura.

Maggiore stabilità con gli pneumatici gonfi

Con gli pneumatici gonfi, uno dei vantaggi fondamentali che si otterrà alla guida riguarda la maggiore stabilità per il conducente. Bisogna pensare, infatti, che una strada può essere percorsa con condizioni di velocità differenti, in base alla percorribilità dell’asfalto e alle specifiche condizioni previste anche dal codice della strada, relativamente a limiti di velocità o al tratto che, generalmente, viene percorso con una certa velocità in termini di chilometri orari.

Questo preambolo permette di comprendere che, quando si procede ad alta velocità, il rischio di oscillazione della vettura può essere più elevato, soprattutto se bisogna incontrare una curva; per questo motivo, è importante che il conducente abbia la mano salda, per evitare che ci siano problemi di ogni sorta.

Tuttavia, con pneumatici sgonfi, per quanto si possa essere abili al volante, la vettura sarà sicuramente meno stabile, a causa di una condizione fisica da parte del veicolo che non presenterà la maggiore aderenza possibile all’asfalto.

Vantaggi economici garantiti da pneumatici gonfi

Accanto al fattore legato alla stabilità e alla sicurezza del conducente, quando si trova alla guida, gli pneumatici gonfi possono essere utili anche per un altro motivo, sicuramente più vantaggioso per un conducente. Quest’ultimo è legato, infatti, alla salvaguardia del proprio portafoglio e, soprattutto, ai vantaggi economici che derivano da una procedura che porta a gonfiare i propri pneumatici; gli pneumatici gonfi, infatti, corrispondono ad una migliore aderenza all’asfalto, come si dice precedentemente, da parte delle ruote.

Un veicolo garantisce un dispendio energetico e di carburante maggiore quando si trova sotto pompa o sovra pompa, dunque, con pneumatici gonfi al punto giusto, il consumo energetico sarà moderato. Ciò significa che, se i propri pneumatici sono sgonfi, la vettura impiegherà molte più risorse energetiche per circolare nel migliore dei modi, dunque la benzina o la fonte di carburante che si utilizza per circolare si esaurirà più velocemente, comportando l’esigenza di effettuare un altro pieno.

Migliore comfort alla guida

Si conclude con un’ultima motivazione che si trova alla base della propria volontà di gonfiare i pneumatici: un migliore comfort alla guida.

Quando gli pneumatici sono gonfi, infatti, la vettura tende a subire delle oscillazioni e delle vibrazioni minori, nonostante le alte velocità; in questo modo, si potrà procedere sull’asfalto in maniera sostenuta ed evitando scossoni di ogni tipo.

ByRedazione Pubblicato Dicembre 10, 2022

Sudorazione notturna: come scegliere il materasso

Molte persone, soprattutto d’estate, soffrono di sudorazione notturna improvvisa ed eccessiva. Un disturbo fastidioso legato al tempo ma non solo. Infatti, gli esperti spiegano che a creare la sudorazione notturna c’è il sistema nervoso simpatico. Se stimolato produce come reazione dell’organismo la sudorazione.

In pratica, vengono coinvolti i sistemi nervosi autonomi e il sistema parasimpatico. Può capitare che la sudorazione notturna sia un disturbo anche dell’inverno, dell’autunno, della primavera o dei momenti di cambio stagione.

Vediamo nel dettaglio le cause profonde della sudorazione notturna. Poi nei successivi paragrafi si spiegherà l’importante ruolo del materasso che si sceglie che nella pratica risulta essere più importante delle coperte e delle lenzuola stesse.

Cause della sudorazione notturna

Gli esperti individuano più di dieci cause comuni per l’eccessiva sudorazione notturna. Alcune semplici e altre molto complesse. Tra le cause fastidiose inseriamo le apnee notturne, quelle che portano anche al russamento. La sindrome delle gambe senza riposo che porta molta agitazione.

Il reflusso gastroesofageo, l’ipertiroidismo e, collegati o simili, gli squilibri ormonali anche di gravidanza o menopausa. Ci sono poi i disturbi del sonno comune, gli stati di ansia e stress, la paura e fenomeni di stress post traumatico, anche causati da incubi. Tra le cause gravi, le patologie tumorale e i linfomi, le infezioni croniche o acute, trattamenti medici e farmacologici di lungo periodo.

Come scegliere il materasso giusto

Il materasso ha un ruolo importante per il benessere del sonno e la prevenzione della sudorazione notturna. Il buon materasso deve sostenere tutto il corpo mentre si dorme, non creare punti di tensione, essere traspirante. Per la termoregolazione notturna quest’ultima è la caratteristica importante, approfondiamo.

Il materasso va scelto per essere perfetto sia d’estate che d’inverno. Però, ad esempio, se una casa viene frequentata solo d’estate, come avviene al mare o in montagna, si scelgono materassi estivi, ad esempio memory foam adatti a questa stagione. Che spessore scegliere per il nostro materasso? Ebbene, deve essere tanto spesso per permettere al corpo di dormire bene. Sarebbe importante fare sempre le prove, se acquistate un materasso online considerate l’esperienza diretta con letti dove avete dormito e vi siete trovati bene.

Il ruolo del materasso è quello di creare insieme a lenzuola e coperte un microclima. Il corpo deve percepire la giusta temperatura, non si deve surriscaldare, non deve soffrire il freddo, cosa che avviene sui materassi molto rigidi. In tutti i materassi sono sempre indicate queste due caratteristiche: traspirazione ovvero passaggio dell’aria, termoregolazione quindi il mantenimento della temperatura e dell’umidità costanti. Le fibre traspiranti sono importanti perché non accumulano umidità e non si surriscaldano. Situazione ottimale per chi soffre di sudore notturno e vuole evitarlo.

Prima di vedere alcuni modelli di materassi, ricordate di sceglierli con cura leggendo bene le loro caratteristiche. Infine, dovete sapere che i materassi possono essere acquistati usufruendo di bonus e detrazioni presidio medico, chiedete informazioni a fornitore o produttore.

Modelli di materasso

Se si vogliono acquistare materassi estivi e invernali, c’è da valutare l’acquisto di prodotti double face. Un lato traspirante adatto all’estate e l’altro adatto all’inverno. In genere con le pulizie domestiche si tende sempre a girare il materasso, questo permette di arearlo ed eliminare il rischio di umidità, muffa, cattivi odori stagnanti.

Il memory foam vince tutte le recensioni, più di tutte le altre tipologie di materasso. Infatti questo tipo di prodotto ha un particolare tipo di materiale che si adatta al corpo in ogni sua posizione e che quindi lo rende molto confortevole. La schiena rimane dritta, non ci sono pressioni e il materiale di cui si compone così come il tessuto sono molto traspiranti. In commercio esistono diversi memory foam, adatti per tutte le stagioni, per l’inverno, per l’estate.

Da sottolineare il prodotto del memory foam con air aloe. L’aloe Vera è una fibra e un materiale vegetale molto utilizzato nella cosmetica e anche nella produzione di tessuti, cuscini e coperte. Qui lo troviamo con tutte le sue qualità di isolamento termico per la produzione dei materassi adattabili ed è per questo che è una delle migliori scelte quando si parla di prevenzione della sudorazione notturna.

ByRedazione Pubblicato Ottobre 25, 2022

Trading con criptovalute, come iniziare? I passaggi da seguire

Non c’è dubbio che, negli ultimi anni, il trading online abbia ottenuto uno sviluppo fondamentale, determinato soprattutto dalla grande quantità di misure e di indici che possono essere presi in considerazione da parte di un utente e potenziale trainer. Ovviamente, per quanto esistano numerosi asset che possono essere oggetto di considerazione, tantissimi utenti hanno sviluppato una grande attrazione nei confronti delle criptovalute, uno strumento finanziario particolarmente amato per le sue caratteristiche e per le grandi potenzialità di queste monete virtuali, che hanno sicuramente rivoluzionato il mercato finanziario dal punto di vista economico, sociale e politico. Ovviamente, emergere nel mercato delle criptovalute non è semplice dal momento che bisogna prendere in considerazione una serie di aspetti che sono relativi soprattutto a come iniziare con questa tipologia di mercato. Per questo motivo, si vuole offrire una panoramica relativa a quali sono tutti i passi da seguire per iniziare a fare trading di criptovalute e per emergere all’interno di un mercato sicuramente non semplice come si può superficialmente credere.

Caratteristiche delle criptovalute da conoscere

il primo passo da seguire, qualora si voglia iniziare a fare trading con le criptovalute, è cercare di comprendere quali siano le caratteristiche di queste monete virtuali. Ovviamente, tutti hanno un’infarinatura basica di che cosa siano le criptovalute, soprattutto per quel che concerne il loro valore, oltre che a proposito delle criptovalute più famose come il Bitcoin. Tuttavia, si tratta di conoscenze scarse, dal momento che le criptovalute sono strumenti finanziari molto complessi, talvolta anche più di azioni o commodities, in virtù del fatto che risentono particolarmente di alcune realtà che avvengono dal punto di vista informativo, sociale o politico. La caratteristica fondamentale delle criptovalute da conoscere è la volatilità, dunque bisogna comportarsi sempre in modo da prevedere, o cercare di essere pronti, tutte le eventualità positive e negative del caso. Solo a seguito di una grande conoscenza del mercato delle criptovalute si potrà iniziare ad investire.

Scelta della piattaforma di trading per criptovalute

Dopo aver conosciuto nel dettaglio tutto ciò che c’è da sapere a proposito delle criptovalute e del mercato delle monete virtuali, si potrà procedere con una scelta tecnica, che riguarda la piattaforma online di riferimento, che servirà come base per effettuare le proprie transazioni. Esistono, sul web, numerosi siti che permettono non soltanto di accogliere i propri investimenti, ma anche di offrire strumenti finanziari utili affinché le proprie transazioni vadano a buon fine. Ad esempio, grazie ad Alfa Advisor di Trading Millimetrico sarà possibile ricevere tutta una vasta gamma di strumenti e misure finanziarie tali da generare un grande profitto con le criptovalute. 

In generale, la piattaforma di riferimento nell’ambito del trading di criptovalute va scelta sempre sulla base di tutte le caratteristiche che può offrire, non soltanto dal punto di vista prettamente economico, ma anche e soprattutto per quel che concerne strumenti informativi ed economici a cui fare riferimento quando si investe e quando si mette a segno una determinata transazione.

Creare un portafoglio virtuale

L’ultimo passaggio particolarmente importante e concreto, da rispettare assolutamente se si vuole iniziare a fare trading di criptovalute, riguarda l’apertura di un portafoglio virtuale, anche detto wallet, all’interno del quale dovranno essere incluse tutte le criptovalute che si acquistano. Bisogna pensare che il mercato delle criptovalute non si lega necessariamente ad un solo investimento o ad una moneta virtuale, ma risulta essere molto ampio nelle sue caratteristiche e nelle sue definizioni, soprattutto per quel che concerne l’enorme possibilità che ogni trader ha nello scegliere le criptovalute di riferimento. 

Per questo motivo, un portafoglio virtuale è importante per quel che concerne la capacità di contenere criptovalute, le dimensioni del portafoglio stesso, di possibili movimenti consentiti, il collegamento con circuiti bancari o postali e tante altre specifiche. Investire nelle criptovalute, dunque, dovrà avvenire solo ed esclusivamente a seguito di una serie di ricerche e di informazioni che sono fondamentali, nell’ambito del processo di crescita affinché si possa diventare investitori non per caso o per gioco, ma per una vera e propria condotta professionale.